Il Mistero della Casa Abbandonata

Il Mistero della Casa Abbandonata

Il Mistero della Casa Abbandonata
Immagine di https://it.freepik.com

C’era una volta un piccolo villaggio circondato da foreste fitte e oscure. Al centro del villaggio si ergeva una casa antica e decrepita, con finestre rotte e pareti scrostate. La casa era conosciuta da tutti come “La Casa Abbandonata” e veniva evitata da tutti i residenti del villaggio.
Un giorno, un coraggioso bambino di nome Luca decise di sfidare la paura e scoprire il mistero che si celava dietro le mura di quella casa spaventosa. Si avvicinò lentamente alla porta d’ingresso, che cigolò sinistramente quando la spalancò. L’interno della casa era buio e polveroso, e l’aria era densa di un’atmosfera sinistra.
Luca iniziò a esplorare la casa abbandonata, avventurandosi piano piano nei corridoi bui e nelle stanze oscure. Ogni tanto, udiva strani rumori provenire da dietro le porte chiuse, ma non si lasciò intimidire. Continuò a camminare fino a quando non giunse in una stanza al secondo piano, dove trovò un vecchio libro coperto di ragnatele.
Il libro raccontava la storia di un antico abitante del villaggio, un uomo di nome Draven, che una volta aveva vissuto nella casa. Draven era stato un mago oscurantista che aveva cercato di ottenere poteri magici molto potenti. Ma il suo desiderio di potere lo aveva consumato, e alla fine, era stato divorato dalle forze oscure che aveva invocato.
Mentre Luca leggeva il libro, udì un sussurro provenire da un angolo della stanza. Si girò e vide un’ombra allungata contro il muro. Era lo spirito di Draven, il mago oscuro, che lo fissava con occhi vuoti e spettrali.
“Chi osa disturbare il mio riposo?” disse lo spirito di Draven con voce cupa.
Luca, sebbene spaventato, cercò di mantenere la calma e rispose: “Sono solo un bambino curioso. Non volevo disturbare il tuo riposo, signor Draven.”
Lo spirito di Draven sembrò contemplare le parole di Luca per un istante, poi disse: “Hai coraggio, piccolo. Ma la mia sete di potere mi ha condotto sulla strada sbagliata. Ora sono intrappolato tra queste mura oscure per l’eternità.”
Luca sentì compassione per lo spirito tormentato e chiese: “C’è qualcosa che posso fare per aiutarti?”
Draven rispose: “Sì, c’è una cosa che puoi fare. Trova il mio antico libro di incantesimi e distruggilo. È l’unico modo per rompere la mia maledizione e permettermi di trovare la pace.”
Luca accettò la missione e, dopo una lunga ricerca, trovò il libro di incantesimi nascosto in una cantina buia. Lo portò fuori e, seguendo le istruzioni dello spirito di Draven, lo bruciò nel cortile della casa abbandonata.
Quando le fiamme divorarono l’antico libro, lo spirito di Draven si dissolse lentamente, e un sorriso di gratitudine si manifestò sul suo volto etereo. “Grazie, piccolo,” disse. “Ora posso finalmente riposare in pace.”
Da quel giorno in poi, la Casa Abbandonata non fu più un luogo di paura per il villaggio. Diventò una casa come le altre, e Luca aveva imparato che il coraggio e la compassione potevano superare anche la più grande delle paure.
E così, il piccolo Luca aveva vissuto un’avventura spaventosa ma anche toccante, che avrebbe ricordato per il resto della sua vita, insegnandogli che il bene poteva sempre trionfare sul male, anche nei luoghi più oscuri.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *